Pane e lievitati salati

PAN CARRE’ PER COLAZIONE…

maggio 10, 2018

Quante vite vorrei vivere … ma una ne ho e devo viverla al meglio!

Non posso nascondervi il mio desiderio di correre a prendere un altro bambino, Elio è la nostra vita, Elio è ciò che ci sveglia al mattino, Elio è il nostro sorriso, le nostre paure, i nostri sogni, le nostre speranze; Elio è il nostro Tutto!

Spesso però mi ritrovo a pensare che crescerà e forse vorrebbe un altro fratellino, perché Elio è un bambino buono, a volte lo sento di là che gioca da solo, chiacchiera coi suoi giochi, coi suoi trenini e mi domando se non dovessimo fare una scelta di svolta.

Il problema è che ci vogliono troppi anni, dai 3 ai 5 anni, dovremmo rifare tutto l’iter della prima adozione, corsi, assenze dal lavoro, questo ci frena. So che questo è l’errore più grande: dover rinunciare per paura di chiedere giorni, permessi, mesi a lavoro!

Ma i dipendenti non dovevano avere dei diritti un tempo?

Ma i dipendenti non dovevano fare orari standard?

Ma i dipendenti dovevano avere gli stessi pensieri di un lavoratore autonomo?

Le multinazionali stanno mangiando le nostre vite, il nostro tempo libero, i nostri sogni, solo perché purtroppo i soldi a fine mese ci vogliono, ma se sapessi che strofinando la lampada di Aladino il genio uscirebbe a darci una mano io non avrei dubbi: ripartirei domani!

Non credevo che essere madre sprigionasse questo desiderio irrefrenabile di dare e ricevere amore, vorrei aiutare un altro bambino, perché i risultati di Elio da quando è con noi sono stati sensazionali.

15cm in altezza, un bambino che ha affrontato già due operazioni, una alla nascita, una pochi mesi fa, tutto senza dire Ahi!

Sono madre solo di lui, ogni figlio è unico nel suo genere, ma posso dire anzi posso urlare al mondo che Elio è decisamente PAZZESCO!!!!!!!!!!

Avere figli significa sacrificio, non dormire più come prima, svegliarsi al mattino sapendo che non penserai solo a te ma anche a lui, ogni tuo pensiero è in simbiosi a lui, ogni tua decisione lo coinvolgerà comunque, ma ora posso dire di essere Felice, felice veramente.

Prima ero felice, ma il mio passato mi faceva soffrire, il mio futuro era un interrogativo ricco di speranze.

Oggi guardo al mio passato come “il passato” oggi voglio guardare solo al mio futuro, perché nel mio futuro ci siamo NOI!

 

Ingredienti per Pancarrè:

500g di farina forte 330W (io Molino Rossetto)

250g di farina 00

2 uova

115g di burro

60g di zucchero

40g di lievito di birra fresco

15g di sale fino

340ml di acqua

Stampo da pancarrè quello con coperchio scorrevole forato misura  10x40x10

Ingredienti per sandwich farcito:

salmone a fette affumicato

1 avocado maturo al punto giusto

limone

pepe

sale

Procedimento:

  1. Scaldate 100ml di acqua e scioglieteci il lievito
  2. Mettete tutti gli ingredienti nel Magimix Cook Expert e impastate con programma Panetteria: Pane/Brioche
  3. Imburrate bene lo stampo e l’interno del coperchio
  4. Togliete l’impasto, formate su una spianatoia un filoncino della lunghezza del vostro stampo e adagiatelo dentro schiacciandolo bene e chiudete con pellicola
  5. Mettetelo in forno spento luce accesa e toglietelo quando sarà arrivato ad 1cm dal bordo ci vorranno circa 40-45 minuti
  6. Chiudete con coperchio e cuocete 190°C per 35-40 minuti

Procedimento per farcia:

  1. Sbucciate l’avocado togliete il nocciolo interno e tagliatelo a pezzetti
  2. Mettetelo nel boccale del minipimer aggiungete sale, pepe, limone e frullate fino ad ottenere una crema
  3. Spalmatela sulle fette che avrete precedentemente tostato e disponete sopra una fetta di salmone e volendo erba cipollina fresca

Forse ti piacerà anche

Non ci sono commenti

Lascia una risposta