venerdì 6 febbraio 2015

CENCI TOSCANI!!!!!!!!!!!








Eccomi qua ad augurarvi un felice week end con questa ricettina golosa dei miei Cenci o Chiacchiere chiamatele come volete, il fatto è che sono favolosi, forse i miei ancora di più, perché son stati fatti con l'unione di quattro manine esperte…quelle della mia nipotina Gemma e le mie.
E' sì alcuni giorni avevo degli amici a cena, quindi alle 20:00 quando son tornata a casa da lavoro andavo di fretta visto che sarebbero arrivati alle 20:30; salgo in casa e trovo lo zio Barba (mio marito) ad apparecchiare con Gemma e Elide, un lavoro a catena, uno prendeva un bicchiere l'altro lo passavo all'altro e l'ultimo metteva in tavola…uno spettacolo solo a guardarli!!!
Così prendo in braccio Gemma per spupazzarmela un po' e lei mi guarda negl'occhi e mi dice "Zia senti" ed io "dimmi amore" lei "oggi vengono i tuoi amici, domani vieni a prendermi a casa mi porti qui e facciamo tutto quello che vuoi: torte, biscotti…quello che vuoi!" io sono scoppiata in una risata l'ho stretta ancora di più al mio cuore e le ho detto "va bene allora domani facciamo i cenci, che ne dici?" e lei "sìììììììììììì!!!!!!!!!" e così è stato.
Mercoledì sono andata a Vaiano al Molino Bardazzi, visto che preventivavano nevi in settimana caricai mio marito in macchina e gli dissi "vieni con me andiamo al Molino!". Che fascino ragazzi entrare in un molino antico, parlare col proprietario, un ragazzo giovane vestito con una tuta intera blu completamente infarinata, ascoltare la passione che mette nel proprio lavoro, la storia di quel posto magico, passato di generazione in generazione, tener l'orecchio teso perché il molino a pietra stava macinando la farina integrale, sentire l'odore puro del grano macinato….come potevo non tornare con una bauliera piena di Farine secondo voi?!?!?!?!? Mi son pentita non aver portato la macchina fotografica, ma…non temete tornerò presto a trovarli!!!
Questa è una ricettina mix tra il ricettario Artusi, Giovanni Righi Parenti e me stessa!!!
        Ingredienti:
500g di farina
40g di burro
4 uova
40g di zucchero a velo (più tanto per decoro)
2 cucchiai di Vinsanto
2 cucchiai di grappa
2 cucchiaini di bicarbonato
2 limoni grattugiati
1 cucchiaino di sale
olio di semi di arachidi 
miele

Procedimento:
Mescolate in planetaria la farina con bicarbonato, aggiungete il Vinsanto, la scorza grattugiata di limone, lo zucchero a velo e amalgamate.
Aggiungete le uova e impastate ancora fino ad ottenere una palla omogenea, versate il sale lasciatelo incorporare e infine unite il burro a pezzettini poco alla volta. 
Quando l'impasto sarà ben incordato mettetelo su una spianatoia sfarinatelo e copritelo con un canovaccio lasciandolo riposare per 30 minuti.
Passato il tempo di attesa ritagliate l'impasto e spianatelo con un'impastatrice se l'avete, altrimenti con matterello ottenendo una sfoglia sottile sottile. 
Se userete la sfogliatrice passate la pasta fino al n.7-8 dovrà essere un velo.
Io ho usato la friggitrice: scaldate bene, lasciate che si spenga la lucina, versate un po' di cenci alla volta e cuocete 2 minuti per parte a 160°C.
Scolateli dell'olio (con la friggitrice s'inzupperanno meno!!!) e lasciateli riposare su carta assorbente in una teglia spolverando generosamente di zucchero a velo e miele!!!
Bon appètit!

Con questa ricetta partecipo al contest LaMiaToscana di Ibiscottidellazia in collaborazione con VersiliaFormat

16 commenti:

  1. Che dolci le 4 manine che lavorano in sincronia :-)
    Grazie della ricetta tesoro, inutile dirti che è perfetta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao amore mio, ho rifatto le foto oggi coi raggi del sole e ho sostituito alcune foto, spero non ci siano problemi per te e il contest, fammi sapere, grazie infinite a te per i complimenti!!!!troppo buonaaaa

      Elimina
  2. Semplicemente deliziosi!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeeee buona settimana a te!!!

      Elimina
  3. Bravissima Azzurra, quanto sono golosi... ne mangerei in quantità!!!!

    RispondiElimina
  4. Buonissime! Da noi si chiamano cioffe e anche io le preparerò presto per i miei nipoti. Che dolce bambina Gemma! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiiii evvaiiiii con le cioffeeeee allora!!!!bacio cara a presto!!

      Elimina
  5. Buonissime gioia... ma che meraviglia la descrizione delle tue nipotine! Un bascione cara!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie amica mia bella!!!un abbraccio forte forte a te!!!

      Elimina
  6. Ma che bel racconto non sono mai andata in un molino! dev'essere meraviglioso!!Come questi cenci;)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiii non so di dove sei, ma sicuramente ce ne saranno anche dalle tue parti, ti consiglio di farci un giro se puoi è davvero qualcosa di ….magico buona settimana cara

      Elimina
  7. Noi le chiamiamo frappe! Le tue sono venute benissimo e con il vin santo hanno una marcia in più! Un bacio

    RispondiElimina
  8. Che si chiamino cenci, frappe o bugie, io vado pazza per queste stelle filanti fritte e croccanti! :D Devo ancora cimentarmi facendole a mano e il periodo giusto finalmente è arrivato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai Francy impasta impasta io le adoro alla follia….nn vedo l'ora di vedere anche i tuoi!!!

      Elimina