Conservare in barattolo

marmellata di uva fragola e il “Broadway Market” di Londra

ottobre 22, 2013
Londra: una città da scoprire.
Un tempo non riuscivo a vedere la bellezza di questa città, il suo difetto più grande per me era il tempo, sempre grigio, sempre cupo, sempre piovoso.
Oggi, non so, forse sono cambiata io, forse è cambiata la mia visione del mondo, ma ogni volta che vado a Londra la vedo come una città…colorata.
Quartieri dimenticati ieri in un attimo trasformati nel polmone delle nuove mode e dei nuovi stili. Ti muovi tra la gente respirando le nuove tendenze, tra ragazze con calze strappate e fiocchi in testa, che ti riportano alla mente una Madonna degli anni ’80, a ragazze avvolte in calde pelliccia e ai piedi dei sandali; tra uomini in doppio petto con le proprie ventiquattr’ore che sfrecciano tra una metro e l’altra, a giovani hipster dai baffi arricciati e barbe folte in sella alle loro bici, ma puoi anche ritrovarti tra persone che se ne fregano altamente della moda indossando la prima cosa che capita, ma a Londra tutti gli stili riescono ad amalgamarsi alla perfezione, rendendo questa città un arcobaleno di colori.
A Londra riesco ad amare anche la pioggia!!!!
A Londra puoi investire su te stesso, e se hai voglia di lavorare puoi ritagliarti il tuo angolo di paradiso.
Non intendo un paradiso fiscale, badate bene, perchè lì le tasse le pagano e come dice un mio amico hai piacere nel pagarle, perchè tutto funziona!
Non hai bisogno di nessun commercialista se hai una piccola attività, puoi fare tutto online, pagare la tua denuncia dei redditi e alla fine se hai pagato di più nel giro di pochi giorni ti rimborsano la somma in conto corrente!!!
Sono rimasta senza parole quando l’ho saputo, perchè qui la burocrazia è devestante e alla fine non funziona quasi mai niente.
Per non parlare del mondo dei mercatini!!!
Con le mie marmellate potrei svegliarmi una mattina, andare alle h.5:00 a prendermi il posto ad un mercato qualunque e venderle, senza dover richiedere mille permessi, senza dover aprire una partita iva, senza tante rotture.
Sapete qual è il motto di Londra?
“basta che lavori e non stai sulle strade a vagabondare fai quello che vuoi!!” chiaramente inteso nei termini della legalità!!!
Ogni volta che vado a Londra giro giro giro e  scopro sempre mercatini nuovi rimanendo incantata da tanta magia.
Il primo giorno che siamo arrivati siamo andati a salutare dei nostri amici, Jacopo e Maya che hanno un negozino meraviglioso di vintage in Hackney Road “Rospo” e siccome eravamo affamati ci hanno consigliato un mercatino lì vicino dove mangiare qualcosa, “Brodaway Market”!!!
E’ un mercato all’aperto ricco di varie bancarelle di street-food, ci sono ragazze che vendono marmellate, torte, cupcake, biscotti, cheescakes in mille modi, c’è il banchetto degli hot-dog, quello della cucina brasiliana, quello che vende salmone fresco servito su fettine di pane e uno spicchio di limone, quello che vende piantine e fiori fino alla bancarella di frutta e verdura dove risplendono bellissime zucche arancio:Halloween è vicino!!!Il tutto allietato da giovani gruppi inglesi che suonano la loro musica in sottofondo.
Abbiamo mangiato dei toast fantastici con bacon, senape, cipolle caramellate, rucola e formaggio da “Deeney’s Toasties“. Vengono cotti su una piastra bollente pressati energicamente, il formaggio si scioglie rendendo questi toast  divini!!!
Camminando, perlustrando e fotografando ci siamo imbattuti in un banco carinissimo “Meringue girls” dove “sculture” mignon in vari colori alternandosi nei gusti, erano esposte in una cassettina di legno, 1 meringa per 1 pound, io ho scelto “passion fruit and ginger” servito su una barchetta di carta …..fantastico anche il packaging!!!!! Lì era esposto anche il libro di queste due fantastiche ragazze “Meringue Girls Cookbook Incredible Meringues everybody can make” di Alex Hoffler e Stacey O’Gorman.
Questa è LONDRA dove a volte i sogni diventano realtà!!!
Quasi quasi mi trasferisco….

 

 

 

 
L’ultima cosa che ho fatto prima di partire per Londra è stata la MARMELLATA DI UVA FRAGOLA!!!
Mamma mia, io e mia madre (mi son fatta aiutare!) siamo impazzite a togliere i semini da ben 3kg di uva, “forse sarà la prima e l’ultima volta che la farò”, così pensavo prima di assaggiarla!!!
Vi giuro…è fa.vo.lo.sa!!!!!!!!

 

Ingredienti:
3 kg di uva tipo fragola ( se ci sono in giro bambini occhio, perchè te la ruberanno sicuro!!)
Togliete i semini e pesate nuovamente, saranno circa 2kg e mezzo, su questa quantità calcola 1kg  di zucchero e il succo di 2 limoni.
Procedimento:
Per prima cosa armatevi di pazienza!!
Togliete tutti i semini, l’alternativa è passare l’uva col passa verdure (in questo caso cuoci prima l’uva con 1 bicchiere d’acqua 5 minuti a fuoco vivo poi passa tutto col passa verdure); a questo punto mettete l’uva senza-semi in un tegame, aggiungete lo zucchero e portate a ebollizione; unite il succo dei limoni e continuate la cottura per 35 minuti circa.
Tritate il tutto col minipimer (frullatore ad immersione), invasate e capovolgete.
Bon appètit!

 

Forse ti piacerà anche

11 Commenti

  • Reply Patrizia Monica ottobre 23, 2013 at 4:59 am

    Mi trasferirei soltanto per la mentalità. Hai ragione da noi la burocrazia ci mangia, non puoi andare avanti con una piccola impresa le tasse e la burocrazzia ti mangia. Che bella mentalità : pensa noi blogger che potremmo fare!!!!!
    Ottima la tua marmellata
    Buona giornata
    Patrizia di Cucina con Dede

    • Reply azzurra ottobre 23, 2013 at 12:29 pm

      ciao tesoro è sììì anch'io penso spesso a quante oppurtunità ci sarebbero la per noi food-blogger……
      buona giornata anche a te

  • Reply m4ry ottobre 23, 2013 at 6:41 am

    Ecco…questo post è proprio ciò che mi ci voleva per iniziare bene la giornata…racconti e dolcezza…Un bacione Azzu !

    • Reply azzurra ottobre 23, 2013 at 12:30 pm

      anche a te tesoro bacio bacio

  • Reply stella ottobre 23, 2013 at 7:38 am

    che bello mi hai portato in un posto di Londra che non ho mai né visto mai immaginato 😀
    La marmellata di uva fragola oramai è diventata un must in casa mia, quest'anno ne ho fatti ben 10 barattoli, ma io vado di passaverdure per togliere i semini pero' 😉

    • Reply azzurra ottobre 23, 2013 at 12:30 pm

      è sì mi sa che anch'io il prossimo anno userò il passaverdura!!!!ahahhahha bacio tesoro

  • Reply La Cucina Spontanea ottobre 23, 2013 at 12:01 pm

    Adoro il broadway market. Ci capitai una domenica mattina di sole e rimasi affascinata dall'atmosfera. Gruppi di ragazzi ai tavoli all'aperto dei pub, gruppetti a suonare, le sdraio verdi del caffè vietnamita e le innumerevoli bancarelle colorate. Un altro mercatino stupendo è il columbia flower market, ma potrei andare avanti all'infinito elencando angoli di Londra dove ho lasciato un pezzo del mio cuore.un bacione

  • Reply azzurra ottobre 23, 2013 at 12:32 pm

    siiiiii adoro anche il Columbia flower market!!!!
    è vero Londra ruba proprio il cuore!!!
    un bacio tesoro

  • Reply Mirtillo E Lampone ottobre 23, 2013 at 12:54 pm

    Londra…forse non sopporterei il clima. Ma ora che è cambiato anche qua, diventando quasi peggio, magari riuscirei a sopportarlo. E' vero, c'è una vita, una libertà, una POSSIBILITà che qua non c'è quasi più, quella di sognare, di realizzare e di desiderare di più!
    Questo tuo racconto riflette la telefonata dell'altra sera…mi fai sognare…ti vedo camminare per le strade di London con tuo marito e tutte le nuvolette in testa di idee! Un bacione tesoro dolce!

  • Reply azzurra ottobre 24, 2013 at 2:44 pm

    amoreeeeeeeeeeeeeeee
    bacio grande a te dolce amica mia…

  • Reply lagreg74 ottobre 28, 2013 at 9:46 pm

    Ma il mio commento dov'è? Sai che forse mi sono accorta ora lasciando l'altro che dopo la prima conferma devo inserire il codice anti spam…ma non è così automatico!
    Ti avevo scritto che ho fatto anche io la marmellata di uva ma utilizzando la barbera della vigna…non ho tolto i semini da dopo una prima cottura ho passato al passaverdura e rimesso a cuocere per un po'..con mia grande sorpresa sporcando pochissimo

    Baci
    Silvia

  • Lascia una risposta