martedì 8 gennaio 2013

farinata di cavolo nero

Fino al alcuni mesi fa ogni volta che andavo a Firenze abitualmente non mi facevo mancare la mia visitina-shopping alla libreria Edison, ma, ahimè, non conosco bene il motivo, ma , come la stragrande maggioranza dei negozi storici oggi giorno, c'ha abbandonato anche lei, lasciandomi un vuoto dentro, perchè ormai era diventata un pò parte di me!!!
Un mesetto fa mentre giravo un pò smarrita tra le vie della città m'imbattei in una nuova  libreria, così, curiosando tra i vari reparti, trovai il mio preferito: CUCINA.
Dopo aver sfogliato una buona metà dello scaffale mi decisi a comprare lui, visto che sì, sono toscana, ma, buona parte delle ricette che sono qui sopra non le ho mai fatte ed è arrivato il momento di...cominciare!!
Leggendo e rileggendo ho optato per una sana "farinata di cavolo nero".L'ho sempre mangiata dalla mia mamma, quindi...vediamo se il risultato sarà buono come il suo!
Sono scesa nel mio orticello, ho colto qualche foglia di cavolo e di prezzemolo ed ho iniziato l'avventura...



Ingredienti:
100 g di farina gialla di mais (bio)
200 g di cavolo nero
1/4 di cipolla rossa
1 carota
qualche foglia di sedano e di prezzemolo
olio extravergine di oliva
 sale, pepe e peperoncino q.b.

Procedimento:
Pulite il cavolo, staccando la parte verde delle foglie dalla venatura centrale, lavatelo bene e tagliatelo grossolanamente.
Preparate un battuto di cipolla, carota, sedano e prezzemolo e rosolatelo nell'olio extravergine di oliva finchè non sarà trasparente.
Aggiungete il cavolo nero e cuocete a fuoco moderato per una ventina di minuti, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda. Quando il cavolo sarà ben appassito, aggiungete 700 g di acqua bollente e versate la farina di mais a pioggia mescolando bene con la frusta.
Continuate la cottura mescolando spesso per una ventina di minuti, aggiustate di sale, peperoncino, pepe e servite con un filo di olio extravergine di oliva.
Bon appétit!

18 commenti:

  1. Anche qui da me, molte librerie antiche hanno chiuso..che tristezza..ottima questa ricetta..spero di riuscire a trovare il cavolo nero per provarla. Buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara, non preoccuparti sicuramente lo troverai siamo nella stagione giusta!!!
      un bacio

      Elimina
  2. ciao Azzurra grazie per la visita, mi piace il tuo blog, fresco e allegro. Anche nella mia città tanti negozi storici sono capitolati dinanzi alla crisi ed è molto triste. Ieri al tg "dopo 3 secoli fallisce Richard Ginori storica fabbrica di porcellane italiane". Ti capisco vengono a mancare pilastri che si davano per scontati. Per quanto riguarda le trasmissioni in tv, sono un divertimento ma anche per me troppa ansia. Archiviate come evento spot piacevole,:) a presto mony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara sono felice il mio blog ti piaccia!!!
      è sì anche la Ginori ci sta lasciando, la Coop aveva tentato di darle un pò di respire lo scorso anno facendole produrre una quintalata di piatti piattini etc...come premio soci con i punti coop, li hanno rimessi in produzione molte volte visto il surplus di richieste ma si vede non ci sono riusciti lo stesso!!
      che peccato, l'Italia coi suoi governi ladroni sta perdendo i tesori dell'economia...speriamo la situazione migliori ma...sono un pò dubbiosa
      va beh...a parte questa parentesi "politica-sociale" ti ringrazio per la visita e spero continuerai a seguirmi!!!se decidi di partecipare a qualche altro programma mi raccomando tienimi aggiornata!!!

      Elimina
  3. Ciao Azzurra :) Anche qui molte librerie storiche hanno chiuso, per non parlare di alcuni cinema che adoravo... una sala... altro che multisala... ho lasciato lì un pezzetto di cuore! E vabbè! :( Questa farinata deve essere ottima, complimenti e un abbraccio, buona serata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' si questa globalizzazione non fa proprio per me, anch'io sono una delle poche che non ama i cinema multisala, troppi odori forti di patatine, pop corn, ok le poltrone sono comode, ma per 2h di cinema di cui nei multisala ti propinano 30 minuti di pubblicità beh...anche no!!!pensa che qui nel mio paesino esiste sempre un cinema piccolissimo sostenuto dal comune e da noi cittadini che lo frequentiamo cercando nel nostro piccolo di mantenerlo in vita accontentandoci del fatto che non proiettano proprio per primi i film in anteprima, ma è a due passi, ovattato e poco affollato!!!amo l'intimità!!!
      ciao tesorino

      Elimina
  4. Che bello poter scendere di casa e raggiungere il proprio orto! io da cittadina nn posso che ammirare incantata tutte le preparazioni fatte con i frutti e gli ortaggi della terra di casa propria ... mi piace questa farinata, confesso di nn averla mai realizzata e amando il cavolo alla follia mi sa che è giunto il momento di mettermi all'opera:) un abbraccio azzurra:)

    RispondiElimina
  5. ciao Simona è si mi ritengo piuttosto fortunata da questo punto di vista!!!
    si provala se ami il cavolo, perchè il gusto è ottimo!!!
    un abbraccio anche a te cara

    RispondiElimina
  6. Io prendo poco dai libri, in genere preferisco le riviste o il web, ma tu hai fatto davvero bene, poi i piatti tradizionali sono proprio belli, brava!
    A presto cara:*

    RispondiElimina
  7. ciao cara, si anch'io spesso prendo spunto dal web ma, da accanita lettrice quale sono, amo alla follia i libri, la loro copertina, poterli sfogliare, sottolinearli ogni volta che ne ho voglia tenerli lì sulla scaffale della mia libreria reparto CUCINA!!!e poi a dirla tutta...sono una pasticciona e spesso quando trovo ricette sul web le leggo, le trascrivo ma poi o perdo il foglietto o non ricordo dove avevo trovato la ricetta!!!
    povera me!!!
    ciao a presto cara

    RispondiElimina
  8. eccomi!!! interessanti le tue ricettine!! buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima grazie per esser passata di qua!!!
      buon week end

      Elimina
  9. Dal titolo pensavo fosse un piatto a base di farina di ceci e invece scopro con piacere che è una sorta di polenta gustosissima con il cavolo nero :) Dev'essere davvero molto gustosa, amo moltissimo il cavolo nero da quando l'ho scoperto proprio qui in Toscana. Certo avere anche la fortuna di poterlo raccogliere nel proprio orto...altro che marcia in più! Piacere di conoscerti, ti seguo con piacere. A presto e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrà dire che se passerai dalle mie parti ti regalerò qualche ortaggio appena raccolto!!!
      ora piange un pò visto il freddo, la neve che c'è stata, ma non temere qualcosa c'è sempre!!!
      grazie per esser passata!!!

      Elimina
  10. Questo è un piatto tipico della nostra regione....viva la cucina toscana!!!! Brava!
    Ciao Azzurra, saluta il marito!

    RispondiElimina
  11. Ciao Azzurra.
    Volevo ringraziarti di aver passato nel mio blog. Grazie per la tua visita.
    Che buona questa ricetta. Prenderò appunti.
    Anche a me piace tanto andare nelle librerie, principalmente nel reparto culinaria.... bello libro.
    un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara grazie a te per esser passata da me!!!
      un abbraccio e buon week end!!!

      Elimina