martedì 22 novembre 2016

GINGER BREAD....IL MIO DOLCE DI NATALE ALLA BIRRA!






Da quando ho fatto per la prima volta questo dolce...non ho più potuto farne a meno!

Qui c'è tutto il Natale che volete, sarà una ricetta perfetta per le vostre colazioni natalizie, ma anche da presentare come dessert alla fine del vostro pranzo di Natale, insomma un dolce perfetto che si sposa alla perfezione col periodo che io tanto amo!
Per noi questo Natale sarà diverso è per questo che pubblico tutte queste ricettive natalizie, per un po' non sarò reperibile, per cui non potete far altro che segnarvele e provarle...fidatevi di me, vi ho mai deluso?!?!?!?
Sapete la mia passione per i dolci anglosassoni, questo è uno di quei dolci che prepara spesso la mia adorata Nigella Lawson dalla quale riprendo molte ricette e gliene sono grata, perché mi ha fatto scoprire una cucina che conoscevo appena. Nella sua ricetta originale lei usa la birra Guinness, ma alcuni mesi fa andai a trovare un'amica che aveva aperto un birrificio, già il nome mi è piaciuto pazzamente "La Staffetta", beh, per farvela breve assaggiammo tutti i tipi di birra che producono, ma mi innamorai follemente di lei la "Wilson", così me ne regalò una con l'intento di dedicarle la ricetta migliore!
Beh i suoi profumi si sposano alla perfezione con questo dolce, quel sentore di liquirizia che rilascia in bocca sul finale rende ancor più delizioso questo dolce per cui non vi resta che andarli a trovare a Pisa, o se non vi rimane di strada visitate intanto il loro sito....lei è una persona speciale come le birre che produce, Martina, per gli amici La Martena....e....chiaramente ha la frangetta come me!!!
Ingredienti:
300g di farina 0
150g di burro
200g di Golden Syrup (o di miele di castagno)
200g di melassa ( o di miele di acacia)
150g di zucchero di canna
2 cucchiaini di polvere 5 spezie (oppure 3 cucchiaini di zenzero secco, 1 cucchiaino di cannella in polvere, 1/4 di cucchiaino di chiodi di garofano)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
30ml di acqua tiepida
250ml di latte intero
2 uova
Variante con Birra Guinness:
sostituire il latte intero con 250ml di birra
e aggiungere 270ml di panna acida (240ml di panna liquida+30ml di aceto di mele o succo di limone filtrato)

Io usato la birra Wilson Porter del birrificio artigianale "La Staffetta" di Pisa che mi ha regalato un'amica, nonché comproprietaria del birrificio, che conobbi casualmente sul treno tornando da Milano.
Questo tipo di birra profumata e corposa si sposa, secondo me, alla perfezione con questa torta, posso dirlo????Meglio ancora della Guinness!!!!

Per la glassa allo zucchero o ghiaccia reale:
zucchero a velo e acqua, pochino per volta ottenendo una consistenza soda ma morbida

Procedimento:
Per prima cosa scaldate i 30ml di acqua e metteteci il bicarbonato, lasciatelo a riposo. In un bicchiere mettete la panna e l'aceto per ottenere la panna acida se fate la versione con birra e lasciate riposare anche loro.
Se anche voi avete il CookExpert (mio braccio destro ormai) sciogliete il burro, lo zucchero, il Golden Syrup e il miele nella ciotola in acciaio:ESPERTO 70°C vel.3 per 5 minuti.
Dopodiché aggiungete le uova, il latte, l'acqua con bicarbonato e mescolate:ESPERTO 1 minuto 0°C del.5
Se fate opzione birra: sostituite il latte con la birra e unite anche la panna acida.
Infine mettete la farina e le spezie: ESPERTO 1 minuto 0°C vel.9.

Se non avete il CookExpert allora sciogliete a bagnomaria la prima parte del procedimento. Quando sarà completamente sciolto, togliete dal fuoco e unite i liquidi con le uova e infine la farina e le spezie girando tutto con frusta a mano.

Prendete una teglia da forno 30x22 disponeteci un foglio di carta forno bagnata e strizzata, versateci il liquido (molto liquido) e cuocete 40 minuti a 180°C forno statico.
Il Natale sarà servito con tutti i suoi profumi caratteristici: cannella, zenzero, chiodi di garofano, pepe e paprika.
Una volta freddo potrete tagliarlo a cubetti e decorarlo con glassa di zucchero a piacere. Favoloso anche come regalino di Natale, messo magari in una bella scatola di Natale...
Ricetta fatta all'ultimo corso da MokkiStore a Pistoia dove potrete trovare di tutto di più anche il CookExpert!!!
Bon appétit!

giovedì 17 novembre 2016

BISCOTTI CON FARINA DI RISO....GLUTEN FREE







Tutto e.... subito!

Io sono così prima di pensarla una cosa l'ho già fatta, non riesco ad aspettare, la bramosia di vedere il risultato mi divora e per questo, a costo di stroncarmi dalla stanchezza, devo finire quello che sto facendo!
Ho iniziato i cappelli e subito finiti, ho iniziato una sciarpina e l'ho finita, ora in tutto questo caos prepartenza, ho voluto metterci anche il cambio "veste" del mio blog!
Oh mio Dio sono senza speranza, ho impiegato 4 anni per arrivare a questo splendido momento del nostro incontro e, nonostante tutto, io non imparo!
Come si dice da noi "le gambe dei cani non si addrizzano" ed è proprio così.
Sono agitata, emozionata, spaventata per come tu reagirai al nostro incontro, vorrò farmi bella per te e, un passo alla volta impareremo a capirci, a conoscerci, ad amarci...la nostra casa presto prenderà nuove forme, nuovi colori, nuovi disordini, ma a noi sta bene così, contiamo i giorni alla nostra partenza, contiamo le ore, i minuti, un tempo infinito, ma infinito non sarà, imparerò ad aspettare, come ho imparato ad aspettarti.
Nel mentre prenderà forma la creatura che ho accudito in tutti questi anni, aspettandoti, il mio blog, passando ad un'altra piattaforma, passando ad un nuovo template, passando a spazi puliti, ma che sappiamo di ME.
Sono un crostino amo la perfezione, per cui non sarà facile il lavoro, ma so che otterrò il risultato che voglio per questo spazio che....per un po' dovrò metter da parte....ma piano piano sono sicura ritroverò del tempo da dedicargli, perché, come dico sempre, la cucina mi ha salvato la vita per cui non potrò che esserle sempre grata!!!!!!!

Intanto vi lascio con un'altra idea di Natale, biscottini con farina di riso per i vostri amici GlutenFree!!!
Ingredienti:
200g di farina di riso Molino Rossetto
70g di burro
65g di zucchero
1 uovo
1 pizzico di sale
zucchero a velo

Procedimento:
Se avete la planetaria montate uova, zucchero e sale per alcuni minuti, sennò con frusta elettrica. Aggiungete il burro sciolto a bagno maria, infine la farina ottenendo un composto omogeneo. Rovesciate il composto su una spianatoia leggermente infarinata e impastate alcuni minuti.
Avvolgetelo in pellicola e lasciatelo riposare 30 minuti.
Riprendete poi l'impasto e formate i vostri biscottini.
Infornate a 180°C per 10-12 minuti.
Lasciateli riposare su griglia e spolverizzate di zucchero a velo


mercoledì 16 novembre 2016

PANINI ALLA CURCUMA....IDEE DI NATALE!



Segnaposto....per un pranzo di Natale perfetto!

Penso che curare la tavola sia un biglietto da visita per iniziare bene i pasti, un bel centrotavola magari creato a mano, una tovaglia in fiandra...quelle di una volta, fiandra di cotone non sintetica intendo, sono cresciuta nella biancheria e noto le differenze, tovaglioli abbinati, non di carta, bicchieri in vetro sottile o di cristallo se il pranzo lo richiede e poi...se vorrete dare quel tocco in più per farvi ricordare...preparate dei panini come segnaposto.
Il pane è un bene povero, il pane è il comfordfood per eccellenza, la sua forma, il suo profumo denotano la semplicità incoronata all'eccellenza e se, avrete voglia di liberare la fantasia che è in voi, create dei panini diversi.
Io li ho preparati per l'ultimo corso che abbiamo fatto da MokkiStore, panini alla curcuma e noci: la curcuma conferisce loro un bel colore giallo intenso,il giallo è il colore del sole e ogni colore solare ha il potere di sprigionare dentro di noi benessere a livello spirituale; le noci le trovo il simbolo dell'inverno, del freddo, di casa.....del Natale appunto!
Sono panini semplici, nei tempi dei corsi di cucina aumento generalmente la quantità di lievito per poter ottenere una lievitazione in 1 ora, ma voi potrete abbassare la quantità allungando i tempi di riposo, in modo che saranno più digeribili, meno lievito c'è meglio è per il vostro pancino.
Per favore curate la scelta delle farine e non comprate più la farina 00, assolutamente la Manitoba (se non ne conoscete la provenienza), sono pompate di glutine, perché ingerire glutine in eccesso che potrebbe, nel tempo, scaturirvi intolleranze e allergie! 
Io uso sempre farine poco raffinate, solitamente la 1, la 0, macinate a Pietra, integrali, basterà tagliarle con altre farine se vorrete che un impasto lieviti, non serviranno farine troppo raffinate, fidatevi, il vostro pancino (e altro organo) vi ringrazierà!
Ingredienti:
500g di farina 1 (Molino Rossetto)
1 cucchiaio di curcuma
12g di lievito fresco (3g di lievito secco)
1 cucchiaino di sale fino
1 cucchiaino di malto o miele 
2 manciate di noci pulite(1 sacchettino se confezionate già sgusciate)
310g di acqua
semola rimacinata a pietra per infarinare
olio per spennellare

Procedimento:
Potrete mettere tutti gli ingredienti in una ciotola, se usate il lievito fresco dovrete prima sbriciolarlo in 100g dell'acqua totale tiepida e poi lo aggiungerete a tutti gli altri ingredienti. Impastate bene prima mescolando con una forchetta poi rovesciando l'impasto su una spianatoia per una decina di minuti.
Se invece avete una macchina (il mio nuovo braccio destro) come il CookExpert nn dovrete durar fatica farà tutto lui premendo solo il bottone: Pan Brioche-Auto!!! Amo la tecnologia ed il progresso!!!!!!!
Il sistema permette alle lame di fare il giro dei sette pianeti come una planetaria ma senza surriscaldare il motore, per cui il glutine verrà stimolato nei vostri impasti alla perfezione, ottenendo così un pane gonfio e ben lievitato.
Una sola accortezza se usate CookExpert: la prima volta che premete Auto vi darà velocità 5, nella seconda andrà a 9; io le noci le metto intere (senza guscio) dando velocità 3 e ancora Auto 2 minuti. In questo modo le triterà ma in pezzetti grossi, proprio come voglio sentirli poi nel pane quando lo mangerò.
Mettete l'impasto a riposare in una ciotola infarinata e coperta con canovaccio per 2 ore circa, fino al raddoppio, incidendo sulla superficie una croce con un coltello affilato.
Passato il tempo di riposo rovesciate l'impasto sulla spianatoia e procedete con le pieghe prima in un verso, poi girate in senso orario e fate le altre 3 pieghe ottenendo una forma tipo cannolo.
Lasciate riposare 10 minuti.
A questo punto sporzionate l'impasto in panetti di 45g l'uno, prendete ogni pezzetto e pirlatelo. Lasciate riposare 10 minuti sotto un canovaccio.
Riprendete i panini e praticate un taglio su ognuno con le forbici, come se lo tagliaste, ungeteli con olio servendovi di un pennello e spolverate con semola rimacinata, per dare l'effetto vintage.
Cuocete a 200°C per circa 30 minuti forno statico.
Bon appétit!

CookExpert Magimix è disponibile da MokkiStore a Pistoia

lunedì 14 novembre 2016

IL COMPLEANNO DEL BONODINULLA......UNA SERATA SPECIALE!!!





Una cena....quasi in famiglia....

La sensazione è stata proprio questa, trovarsi a quella tavola dove mi son sentita onorata di essere stata invitata!
Beh che dire, gli argomenti non ci mancano a me e mio marito, quindi abbiamo partecipato assiduamente ad ogni conversazione intavolata e davvero mi son sentita a casa, persone semplici, squisite, dotte, conoscitori autentici della storia di Pistoia che amo sempre ascoltare a bocca aperta come una bambina di fronte ad una scatola di cioccolatini. 
Ma parliamo dell'ingrediente che contraddistingue il Bonodinulla, quell'ingrediente per il quale vale la pena prenotare una cena, quell'ingredienti che assaporandolo, le tue papille gustative....cantano e il tuo pancino te n'è grato!
Siamo arrivati per primi io e mio marito e ci hanno subito accolti con "bollicine" champagne 1926, brindando a questo anno di apertura del locale.
Ci siamo accomodati poi con gli altri al piano sotterraneo, un tempo le strade erano a quell'altezza, ci raccontava Nicola.
Beh qui le Belle Arti possono inchinarsi, le mura in pietra, le nicchie ovattate dove accogliere lo splendore di una tela in bianco e nero rappresentante monumenti storici della città, a sinistra entrando mi ha incuriosita la nicchia dei vini, due tipi simpatici nel nome e ottimi nel gusto, vini toscani, possiamo andar fieri della nostra Toscana, terra di eccellenza per molti prodotti, il loro nome li accomuna uno "Maremma Santa" per rappresentare un vino bianco, l'altro "Maremma Diavola" per rappresentare un vino rosso corposo...geniale direi!
La cena è stata speciale, partendo da una selezione di affettati e formaggi toscani filiera corta, seguendo in una degustazione dei primi, il mio preferito le linguine con baccalà al limone dove la nota acidula dell'agrume ne esaltava il gusto rendendolo delicato e fresco, le pappardelle al coniglio a dir poco divine e quei fagioli all'uccelletto.... serviti in tegamini bollenti come li faceva mia nonna!!!
Siamo poi passati ai secondi con un'etrusca cotta lunghe ore e resa tenerissima, carciofi fritti che sono sempre pazzeschi terminando poi con un dolce semplice e proprio per questo divino: "la nonna Maria" mi sembra si chiamasse, perdonatemi se sbaglio nome, ma una ricotta leggerissima con una granella di biscotto a guarnire sposando alla perfezione la morbidezza del formaggio con la croccantezza del biscotto. 
Finita la cena siamo saliti ai piani superiori dove stanno creando ben 12 camere e dalla terrazza abbiamo ammirato l'insormontabile bellezza dei tetti di Pistoia baciati da una luna piena. Nicola poi ci ha illustrando aneddoti storici e davvero curiosi della città: Via Abbi Pazienza chiamata così perché un uomo incappucciato appartenente ad una delle due famiglie Panciatici o Cancellieri (le due famiglie che si sono fatte guerra a Pistoia per 4 secoli) in un agguato venne pugnalato da un rivale ma quando gli venne scoperto il volto si accorge che è un amico così esclama "Abbi Pazienza" e da lì il nome della via, poi ci ha parlato della Cupola della Madonna dell'Umiltà la terza cupola d'Italia per la sua grandezza: San Pietro, Brunelleschi e questa.
Spero di avervi reso l'idea di quanto sia stata bella questa serata e lieta e grata di esser stata invitata!!!
Nei prossimi viaggetti che farete inserite Pistoia è una città splendida e mi raccomando fermatevi a degustare le delizie del "Bonodinulla" in Via del Lastrone, sulla Sala come si dice noi!!!


sabato 12 novembre 2016

SFOGLIE CROCCANTI...IDEE PER NATALE!



Iniziamo a pensare a Natale!

Ieri sera ho tenuto l'ultimo corso di cucina "Idee di Natale" da MokkiStore  è stato un corso doppio, perchè avevamo raggiunto il numero di 12 persone il giovedì, quindi abbiamo fatto il bis sempre con 12 persone il venerdì ed è riuscito tutto alla perfezione ricette anglosassoni ormai conoscete la mia passione per la cucina alternativa, così abbiamo spaziato tra 5 ricette coi profumi del cioccolato gentilmente offerto da La Molina e l'inebriante mondo delle spezie cinesi...ma poi pubblicherò successivamente.
Oggi invece vorrei parlarvi di queste sfoglie, volevo fare due lievitati al corso, ma era impossibile coi tempi, così ho optato per panini alla curcuma e noci, lasciando da parte loro...le sfoglie, ma ne parlai e questo stuzzicò la curiosità di molte partecipanti, così oggi pubblico la ricetta: domani è domenica potrete impastare!!!
A parte l'ora di lievitazione è una ricetta molto veloce, io, da quando l'ho scoperta su Pinterest (non mi ricordo però chi l'aveva messa) perchè me la sono scritta su un foglietto senza scrivere l'autore, per cui mi scuso, ma è troppo buona per non condividerla col mondo intero!!!
In più come vi dicevo è veloce anche lo sgranocchiamento, se avrete persone a cena, magari aumentate le dosi...ne varrà la pena!!!! 
Ingredienti:
250g di farina 0 o Pietra 1 (Molino Rossetto)
5g di lievito secco (o 12g lievito di birra fresco)
1/2 cucchiaino di sale fino
2 cucchiai di olio evo+ altro per decorare
110ml di acqua tiepida 
1 cucchiaino di zucchero
rosmarino e fleur de sel 
(in alternativa potrete sostituire il sale con sale fino e il rosmarino con semi di sesamo bianchi e neri o gomasio quello che preferite?
Procedimento:
Io ho usato il CookExpert per velocizzarmi nei tempi di impasto, il risultato è eccellente, la forza d'impasto sviluppa piu velocemente il glutine rendendo l'impasto ancor più soffice.
 Se non l'avrete, però, potrete mettere tutto in una ciotola come se facesse il pane e impastare a mano.
Se usate il lievito secco potete mettere tutti gli ingredienti insieme; se userete il lievito fresco scioglietelo in 50g di acqua tiepida (dalla quantità scritta sopra) e poi aggiungetelo.
Impastate tutto velocemente e con forza ottenendo un impasto liscio e omogeneo. A questo punto oleate una ciotola, mettete il vostro panetto, incidete con un coltello il centro crendo una croce, oleate l'impasto e coprite con pellicola. 
Se avrete usato il lievito secco ci vorranno 2 ore di lievitazione, se invece avrete usato il lievito fresco in 1 ora dovreste avere il vostro panetto raddoppiato di volume. Mettetelo su un foglio di carta forno e stendete sottilissime sfoglie, un pezzetto di impasto alla volta, poi condite di olio, sale e ramerino tritato  e infornate a 200°C per 10-15 minuti dipende dal vostro forno, comunque sia dovranno dorarsi. 
Vi verranno circa 8 sfoglie, quindi se avete più invitati aumentate le quantità, perchè le divoreranno!!!
Bon appètit! 

mercoledì 9 novembre 2016

UN SUGO NON SUGO....IL RAGU' DI SOIA!!!!



Non ho parole....delusione totale per un mondo che proprio, anche sforzandomi, io non capisco!

In America ha vinto Trump...mah...dov'è lo scherzo?è una battuta?noooooo è la verità!!! Sapete che non parlo di politica qua nel mio spazio delle magie, ma oggi sono talmente scioccata da questa notizia che non posso proprio far finta di niente....ohibò!!!
Avevo stima per l'America, quell'America che aveva votato un presidente di colore, quell'America rivoluzionare, il sogno americano e tutto ciò che di bello ha sempre affascinato il mondo di noi "popolani" che guardavamo l'altro continente con gl'occhi spalancati del bambino che vede Babbo Natale; ma oggi tutto cambia, la realtà ci ha schiaffeggiato con un presidente miliardario, una macchietta nello stile, nel parrucchino, in quel viso arancione e quelle idee guerrafondaie che a me, personalmente, spaventano parecchio!
Se semini odio...riceverai odio...questo mi spaventa, ma non possiamo fare altrimenti se non stare qui ad osservare! 
Avevano la possibilità di dare spazio ad una Donna, ma hanno preferito il personaggio....per cui che dire, bruciata un'altra possibilità di cambiamento, ciò che forse accadrà anche in Italia, perché fondamentalmente la gente non vuol cambiare proprio un bel niente.

Menomale noi abbiamo scalato un altro scalino.... 

Siamo elettrizzati, spaventati, agitati, nervosi, ma tanto tanto felici...
Un passo per volta arriveremo a quel giorno, la burocrazia è lenta e infinita, ma in tutta questa avventura il bello è che incontriamo persone sorprendenti! 
Ingredienti:
1 busta di granulare di soia (Molino Rossetto)
1 carota
1 costolina di sedano
300g di pomarola
mezza cipolla rossa
1 mazzetto di prezzemolo tritato
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
olio extra vergine di oliva
sale
Procedimento:
Per prima cosa mettete il granulare di soia a rinvenire in acqua bollente per 10 minuti, scolatelo mettetelo in un asciughino e strizzatelo bene togliendo tutta l'acqua. 
In una pentola mettete olio, prezzemolo, cipolla tagliata a fettine sottile e soffriggete. Aggiungete 2 cucchiai di acqua calda e lasciate sudare a fuoco bassissimo la cipolla. Quando sarà traspente, unite le carote e il sedano tagliati in quadratini piccolissimi unite la pomarola e il granulare di soia e cuocete per 20-25 minuti. Condite col sale e pepe se vi piace e unite il concentrato di pomodoro. Cuocete ancora 10 minuti.
Il tutto dovrà esser fatto a fuoco lentissimo!!!!
Bon appètit!




sabato 5 novembre 2016

PANINI ALLA ZUCCA....BLOGGER IN CUCINA!!!









Blogger in cucina....la Fashion e la Food...unendo passioni comuni!

Un'amicizia nata tra una sfilata e l'altra, uno scatto e l'altro, scartabellando tra le mie foto ho ritrovato  lo scatto che mi fece Sandra e pubblicò poi sul suo splendido blog alcuni anni fa a Milano, quando accompagnai mio marito e "annoiandomi" nell'attesa mi misi a fare cappellini con il mio uncinetto (che non lascio mai!). 
All'ultimo fashion weed di Milano Massy vide lei e Giorgio (suo marito) e tra una corsa e l'altra gli disse "dai venite a cena una sera", così appunto una sera ho ricevuto un messaggio da Sandra "andiamo a mangiare una pizza sabato?" ed io "perchè non venite a cena da noi?devo fare gli gnocchi perchè la settimana prossima ho un corso, potremmo farli insieme così impasti un pò anche te e poi ce li mangiamo!!" e lei "Siiiiiiii volentieri!!!".
Ci siamo ritrovate nella mia cucina ad impastare, chiacchierare conoscendoci, rispondendo alla sua "intervista sugli gnocchi" sorseggiando del buon vino di Lucca portato da voi!
Una serata davvero splendida con persone davvero speciali, quelle serate coccolose in cui sembra di conoscerci da sempre...conoscete la sensazione vero?!
Come segnaposto feci questi panini di un'altra foodblogger Alice e sono risultati buonissimi...mi aveva ispirato la ricetta usando la zucca che, come saprete, io adoro, così li ho provati, ho cambiato un pò il loro look ma aggiungendo i semini di sesamo neri, ma il sapore è davvero speciale!
In questo week end piovoso e grigio non vi resta che...impastare!!!!
Ingredienti:
300g di farina integrale (Molino Rossetto)
200g di farina per pizza (Molino Rossetto) 
oppure (500 di farina 0) 
4g di lievito madre secco (Molino Rossetto)
100g di acqua tiepida
5g di malto
10g di sale fino
400g di zucca cotta
5g di olio evo
2 rametti di rosmarino

Procedimento:
Per prima cosa cuocete la zucca: togliete la buccia, tagliate in cubotti e chiudetela in carta stagnola, mettetela in forno a 200°C per 35-40 minuti, dovrà diventare morbida morbida.
Schiacciate la zucca in un piatto e tenete da parte.
In una ciotola o in un robot impastate il vostro pane mettendo tutti gli ingredienti, prima le farine con il lievito, aggiungete l'acqua tiepida e la zucca schiacciata, poi l'olio, il sale e infine il rosmarino sminuzzato.
Formate una palla e lasciatela lievitare coprendo con pellicola per circa 3-4 ore in un luogo caldo o vicino al radiatore.
Quando avrà raggiunto il doppio del volume, sgonfiate su una spianatoia l'impasto, sporzionandolo in panini di circa 50g ciascuno.
Lasciateli riposare 10 minuti coprendoli con carta forno.
Incidete con coltello affilato praticando una croce e spennellate di olio, cospargete di semi di sesamo neri o semi di zucca o di papavero, insomma a voi la fantasia di provare e cuocete 20 minuti a 200°c e 30 minuti a 190°C.
Bon appètit!